Ferruccio Gard | admin
1
archive,paged,author,author-admin,author-1,paged-2,author-paged-2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.5,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Author: admin

(dalla presentazione della mostra “ Movimento come Messaggio”, Triennale Internazionale d’Arte Contemporanea, Praga, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, giugno-settembre 2008) Secondo una felice intuizione già balenata negli anni settanta, al cuore dell’elemento colore, Ferruccio Gard allarga, o meglio svincola la carica centrifuga, espansiva e diffusiva del pigmento dalla gabbia geometrica, e dai...

(dalla presentazione della mostra antologica "Emozioni Cromatiche", Padova, Assessorato Comunale alla cultura, Palazzo del Monte di Pietà, 30 maggio-2 luglio 2006; Venezia, Scuola Grande di San Giovanni Evangelista e Regione Veneto, 5 settembre-15 ottobre 2006) ...

(dalla presentazione della mostra antologica “ Ratio Picta”, Regione Piemonte, per il Ciclo “I maestri piemontesi viventi”, Torino, sala Bolaffi, dicembre 2004-gennaio 2005) ……Gard, sin dagli esordi, dalle prime composizioni optical dipinte, non ha cercato altro che la Ragione del rappresentare, del dipingere “naturalmente” una seduzione infinita come quella dei rapporti,...

(dalla presentazione della mostra personale "La fissione del colore", Vicenza, Basilica Palladiana, aprile-maggio 2000) La pittura di Ferruccio Gard offre la più affascinante delle trappole: la cornice razionale del discorso visivo è solo il punto di ormeggio di un “Bateau Ivre”, di un’ipertrofia lirica senza fine. Capisco adesso pienamente qual è...

(dalla presentazione della mostra antologica "La disarmonica armonia", Rovigo, Pinacoteca Accademia dei Concordi e Galleria Comunale d’Arte Moderna Pescheria Nuova, maggio- giugno 1999) Gard mira a recuperare l’unità dell’infinito rotta dalla sua necessaria separazione negli elementi finiti, sentendoli come proiezione di quell’archè primigenia. Allora il contrasto, il molteplice, non drammaticamente ma...

(dalla presentazione della mostra personale "L’ordine instabile", Aosta, Tour Fromage, maggio-giugno 1998) In Ferruccio Gard il sogno dello stile abita l’opera attraversata naturalmente dal dinamismo che non significa però semplice astrazione bensì anche fascino dell’essenzialità al limite di una filosofia complessa e moderna. Perché i rigori della tecnica e dell’armonia comportano...