Ferruccio Gard | admin
1
archive,paged,author,author-admin,author-1,paged-3,author-paged-3,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.5,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Author: admin

("Corriere della Sera", Milano, 8 novembre 1992) …L’aspetto relativamente più insolito di queste opere è dovuto al fatto che proprio al centro del vortice geometrico in movimento, in quello che si dovrebbe supporre il perno sul quale ruota tutta la composizione, lo spazio letteralmente si sgretola in una macchia informe, quasi...

(dalla presentazione della personale alla Galleria dello Scudo, Verona, giugno 1990) Gard continua a chiamarli “ricerche”, questi lavori, per ribadire la fede in una fattualità guidata dal progetto, dove il calcolo, pur non autosufficiente, conserva il suo ruolo, la sua funzione. Con ciò l’artista riafferma il suo inserimento in una tradizione...

(presentazione della Personale alla Casa del Mantegna, Mantova, aprile-maggio 1988) Le conquiste dell’arte contemporanea dall’impressionismo in poi e in particolare l’affrancamento del linguaggio puramente visivo della pittura, confermato poi dalle tendenze dell’astrattismo durante l’ultimo dopoguerra, restano ancora indigeste per molti artisti passatisti, pseudo moderni e trans-avanguardisti, per molti critici, per molti mercanti e cultori...

(da un dialogo con l’artista - Presentazione delle personali a Trissino e a Vicenza, 1978) …Se c’è da rimproverare qualcosa all’astrazione di oggi, è il gusto della ripetizione, il gusto di ripetere degli schemi storicamente esauriti. Qui invece c’è una proposta nuova: un suo modo di essere. Che fa dire: ecco, questo è...