Ferruccio Gard | Renato Barilli – LA FISSIONE DEL COLORE, 1999
17276
post-template-default,single,single-post,postid-17276,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-9.5,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Renato Barilli – LA FISSIONE DEL COLORE, 1999

(dalla presentazione della mostra personale “La fissione del colore”, Belluno, Città alpina per il 1999, Palazzo Crepadona; Cortina d’ Ampezzo, Museo d’Arte Moderna “Mario Rimoldi”, Ciasa De Ra Regoles)

…É come se fossimo invitati ad ammirare, ma da una comoda distanza di protezione, l’infinita fenomenologia delle eruzioni vulcaniche o i processi di fusione dell’atomo o le vicende di un pizzico di vita extraterrestre venuta a friggere qui, sulla terra, in condizioni per essa aliene. O forse siamo chiamati ad assistere a un esperimento di sintesi di nuovi virus, che potrebbero divenire tremendamente aggressivi, se appunto non ci fossero pur sempre quelle provvide barriere, nella loro costituzione inappuntabile e un po’ rigida. Siamo attratti, affascinati da tutte le manifestazioni di un disordine, di un caos primordiale, ma un po’ di ordine a fare da filtro è pur sempre gradito. E l’arte di Ferruccio Gard si preoccupa di conciliare entrambi i corni del problema.